Come smettere di fare l’amante? Ecco 3 suggerimenti utili - LO STUDIO DELLO PSICOLOGO

Come smettere di fare l’amante? Ecco 3 suggerimenti utili

Un tempo era più difficile scoprire se il proprio partner avesse un amante. Oggi, purtroppo o per fortuna, la tecnologia non permette più tanti segreti e spesso le prove del tradimento vengono lasciate sul proprio cellulare o sui social.

Perché?

Forse perché vuoi in qualche modo essere scoperto? O perché non sai come comunicare il tradimento e preferisci essere smascherato?

Le motivazioni possono essere infinite e potresti stare per ore a scervellarti su questo.

Quello che è certo, però, è che se è avvenuto un tradimento c’è qualcosa che non va nella tua storia.

Lo psicologo Walter Riso nel suo libro “Cenerentola è una sfigata – E un rospo non diventerà mai un principe” afferma che sposarsi con il proprio amante è come mettere il sale sul dessert.

Immagino che essere l’amante di qualcuno, all’inizio, sia stata un’esperienza travolgente, eccitante ed emozionante.

Ma adesso?

Vorresti uscire da questa situazione, ma non ci riesci.

La Terapia Breve si è mostrata molto utile nel risolvere questo tipo di problematica, riuscendo ad ottenere concreti benefici anche dopo un singolo incontro con lo Psicologo.

Tre consigli utili

Se vuoi provare a farcela da solo ad uscire da questa situazione e smettere di fare l’amante, puoi iniziare seguendo questi 3 suggerimenti:

1. Accetta che qualcosa non sta andando bene

Evitare di guardare in faccia le cose che non vanno è sicuramente la strada più facile, ma dimmi…ha funzionato?

Probabilmente no.

È quello che si chiama “tentata soluzione disfunzionale”, di cui puoi leggere di più in questo articolo.

Ammettere a te stesso che ci sono cose che non ti vanno bene, che non ti bastano, è il primo passo che puoi fare. Identificale accuratamente, una per una, e scrivile su una lista. Per ciascuna, sempre nella stessa lista, scrivi ciò che potrebbe farti star meglio. Adesso riordinale e fra queste cose, scegli quella più facilmente realizzabile e definiscila meglio, creando un piano concreto e fattibile per la sua realizzazione.

2. Ammetti le tue responsabilità

In che modo anche tu hai contribuito a quanto accaduto?

Come dicevamo sopra, siamo tutti portati a scegliere la via più semplice e di certo in questo caso la via più semplice è quella di trovare un colpevole, che sia il/la partner, la sfortuna o il fatto di essere nati così e non poterci proprio fare nulla.

Farti questa domanda può esserti utile per togliere il tuo partner dal ruolo di “carnefice” ed addossargli tutte le colpe e le responsabilità del tuo tradimento ed uscire tu dal ruolo di vittima, di persona che ha agito così come conseguenza del comportamento del tuo partner.

Evita di procrastinare

Questo ti permetterà di acquisire un nuovo punto di vista, assumendosi, ognuno, le proprie responsabilità. La relazione di coppia è un lavoro che richiede impegno da entrambi i lati. E’ come una piantina che ogni giorno va innaffiata, insieme, altrimenti si secca e muore.

3. Non aspettare il momento migliore e non rimandare a domani

Quante volte ti sei detto/a “Domani lo/la lascio” e poi non l’hai fatto?

Se davvero vuoi uscire dal tuo ruolo di amante, evita di procrastinare e dirti “Prima o poi lo/la lascerò”. Così facendo non farai altro che ingannare te stesso e portare avanti una situazione che ti fa soffrire.

Se devi lasciare l’amante, fallo! In questo caso è meglio essere risoluti ed agire quanto prima.

L’alternativa all’azione, dopotutto, è morire un po’ giorno per giorno.

E se questi suggerimenti non bastano?

Sicuramente questi consigli possono essere una base da cui partire per iniziare a cambiare la situazione che stai vivendo ed uscire dal ruolo di amante.

L’idea di base è che bisogna fare, per poter cambiare. Rimuginare su cosa non va e non funziona, “agitarsi nei rovi”, non farà altro che peggiorare la situazione con tutta probabilità: se infatti avesse funzionato, lo avrebbe fatto già tempo fa.

Quindi, se non dovessero bastarti i suggerimenti che trovi in questo articolo, puoi pensare di rivolgerti ad uno Psicologo esperto in Terapie Brevi che, attraverso delle strategie mirate e specifiche per questo problema, può farti uscire da questa situazione in tempi brevi, anche dopo un singolo incontro.

 

Bibliografia

Frederick D.A., Lever J., Gillespie B.J., & Garcia. J.R. (2016). What Keeps Passion Alive? Sexual Satisfaction Is Associated With Sexual Communication, Mood Setting, Sexual Variety, Oral Sex, Orgasm, and Sex Frequency in a National U.S. Study. The Journal of Sex Research, 1.

Nardone, G. (2003). Correggimi se sbaglio. Milano: Ponte alle Grazie.

Zeig, J., Kulbatski, T. (2012). I dieci comandamenti della coppia. Milano: Ponte alle Grazie.

Dr Flavio Cannistrà
Psicologo, Psicoterapeuta
Terapia Breve
Terapia a Seduta Singola
Ipnosi

 

Vuoi rimanere aggiornato su tecniche, strategie e informazioni di Terapia Breve?
Oppure cerchi uno psicologo a Roma, Monterotondo o online?
Compila il modulo qui sotto:
compila la parte “Come posso aiutarti” se vuoi un appuntamento, o lasciala vuota per iscriverti alla mia newsletter.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.